Come curare e aumentare la propria energia

by

Hai presenti quei momenti in cui vorresti che la tua energia fosse sana, compatta e forte al punto da poter sostenere e schivare con disinvoltura marziana gli attacchi e le paranoie di chi ti circonda e uscire, sfilando sulla passerella della tua vita, come gli angeli di Victoria Secrets? Ti piacerebbe eh? Invece i colpi inferti vanno a segno e tu vai knock down.

Ci siamo passate tutte: giorni in cui sei giù e scarica.
Non importa quanto tu abbia voglia di vedere le tue amiche, quanto non veda l’ora di sfoggiare piega e colore appena fatti dal parrucchiere, quanti compiti tu abbia ancora da svolgere. Ci sono giornate in cui proprio non ce la fai.
Momenti in cui vorresti semplicemente avere una riserva extra di energia per farcela.

Quando ti demoralizzi molto più facilmente, quando la concentrazione è pressoché inesistente, quando sei in preda alle tue emozioni, ricordati di una cosa: nn è uno stato permanente, tu puoi modificarlo.

Come? Tornando alla base con queste 8 mosse:

1. Fai esercizio fisico

Che sia aerobico, di rinforzo o di equilibrio, non ti voglio ricordare gli innumerevoli benefici derivanti dal muovere il suo sacro fondoschiena ma mi preme ricordati che se pratichi, se fai meditazione o tecniche di guarigione energetica, hai il dovere (sì cara, dovere) di mantenere il tuo fisico nelle migliori condizioni possibili.
Fare esercizio fisico ci aiuta a rilasciare le tossine energetiche accumulate, ripulendo i canali di scorrimento dell’energia e i centri energetici del corpo, mantiene la colonna vertebrale flessibile, rinforza la nostra struttura energetica e rende la nostra aura più luminosa.
Ricordati che il corpo è il mezzo, il veicolo dell’Anima: prendersene cura su tutti i livelli è imperativo, da atti di self care al miglioramento dell’apparato circolatorio e muscolo – scheletrico. Senza di lui non andiamo da nessuna parte. Game over. Attendi la prossima incarnazione.

2. Dormi a sufficienza

Dormire bene, tra le sette e le otto ore a notte perché durante il sonno si producono importanti cambiamenti nella secrezione degli ormoni, i ritmi biologici rallentano, il cervello riduce la sua attività al minimo per rielaborare le esperienze vissute.

La mancanza di sonno porta invece all’accumulo di tossine, favorisce l’aumento dello stress e drena l’energia raccolta durante il giorno.

3. Respira!

Se pratichi yoga lo sai: per noi respirare è anche più importante di mangiare. Il famoso pranayama, termine che deriva dal sanscrito prana (soffio, respiro, energia vitale) e yama (fare), non solo ti aiuta a regolarizzare il battito cardiaco, la temperatura della pelle, a pulire e ossigenare gli organi interni ma, respirare nella maniera corretta, ti cambia la vita. Sull’espiro rilasciamo le tossine energetiche e sull’inspiro apportiamo nuovo prana al nostro corpo. Come per l’esercizio fisico l’aura si rinforza e diventa più brillante, le emozioni negative vengono gradualmente rilasciate e l’energia aumenta considerevolmente.

4. Medita con costanza

Pochi minuti ogni giorno per ripulire il nostro campo energetico bioplasmatico da contaminazioni, emozioni, attacchi energetici. Un’abitudine che rigenera completamente la nostra struttura e non solo la mantiene stabile e sana ma la aumenta e la rafforza.

5. Mangia bene

Il che non significa diventare ossessiva-compulsiva nella scelta di alimenti bio senza glutine, senza lattosio e autoprodotti. Significa semplicemente essere consapevole di cosa ingerisci, dell’energia che ti nutre. Ogni cibo ha una propria energia derivante non solo dalle modalità in cui è stato coltivato o creato ma anche da quella delle persone che hanno contribuito al suo processo di produzione. Quando mangi, non solo apporti energia ma potresti contaminarti. Che qualità ha l’energia del cibo che scegli? Te lo sei mai chiesta? Dal punto di vista energetico è impossibile generalizzare: ciò che aumenta la mia energia potrebbe drenare la tua e viceversa ma valgono poche costanti: limita il consumo di alcol e, se puoi, elimina la carne di maiale.

6. Bevi molto

L’acqua è il veicolo delle emozioni: mantenere idratate le nostre cellule non solo rende il nostro aspetto più giovane e il nostro cervello più prestante ma ci aiuta a eliminare fisicamente le tossine emotive. L’acqua porta via con sé qualsiasi tipo di emozione, calmandoti istantaneamente e spegnendo o controllando il fuoco energetico accesso dalla nascita e dal nutrimento di uno stato emotivo. Se vuoi ricentrarti in seguito a una disputa, inspira, espira, bevi. Ripeti.

7. Via dallo schermo, torna alla natura

Non c’è tecnica di ricarica energetica che funzioni come ritornare nel nostro ambiente originario, la natura. La quantità di prana, le vibrazioni degli esseri viventi che la popolano, la presenza di solo l’Essenziale ci ricalibrano e rimettono le nostre frequenze allo stato originario, con un boost non indifferente. Passare almeno mezzora ogni giorno immersi nella quiete della natura: non ti senti meglio solo al pensiero?

8. Apprendi tecniche di ricarica energetica

La mia preferita è senza dubbio il Pranic Energy Healing così come insegnato da Maha Atma Choa Kok Sui: un’antica scienza e arte di guarigione che utilizza l’energia vitale per ribilanciare, aiutare e armonizzare corpo e psiche. Basato sul modus operandi di “prima pulisco e poi energizzo”, si inizia rimuovendo l’energia esausta dalle parti affette,  energizzandole poi con una quantità di energia sufficiente per dare avvio al processo di guarigione. Il lato positivo: che chiunque può, tu compresa.

Provali: magari non tutti, magari solo uno alla volta e annota come cambia la tua energia. Osservati e ascoltati.

Lo dico e lo ripeto con piacere: la bacchetta magica non sempre funziona.
A volte il grande segreto consta nel seguire semplici istruzioni: non ci sono trucchi o pozioni eccezionali che funzionano se non costruiamo su fondamenta solide.

Ritornare alle basi è sempre una saggia decisione.

Blessings,

R.

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.