Cos’è una Vision Board?

by

Vision Board: uno spazio sacro nella forma di una bacheca – generalmente di sughero –  sulla quale incollare immagini, frasi, ritagli di giornale. Un bellissimo promemoria con tutto ciò che ti fa battere forte il cuore. Firmato, il tuo Futuro.

Più che Vision board a me piace chiamarla Manifestation board perché è una delle tecniche di materializzazione più semplici e facilmente attuabili che ci siano.

La prima volta che ne ho sentito parlare era il novembre del 2012, durante il mio primo corso sulla legge d’attrazione, la forza del pensiero e la capacità di materializzare, tenuto da una delle più grandi esperte dei nostri tempi, Miss Charlotte Anderson. Una volta terminato il workshop, corsi a comprare tutto il necessario per mettermi subito all’opera.
Da allora la vision board è uno degli strumenti chiave che utilizzo nel mio quotidiano, che curo e nutro con amore e attenzione e che non ho mai più abbandonato.

Creare una vision board significa innanzitutto prendersi del tempo per chiarire e immaginare come vogliamo che sia la nostra vita futura tramite la visualizzazione, una semplicissima tecnica in grado di farci emettere potenti vibrazioni nell’universo. Mettersi poi a incollare e ritagliare è un primo piccolo passo per passare all’azione e diventare co-creatori del nostro destino, invece che subire e inghiottire gli avvenimenti così come capitano.

Nella pratica della Vision Board lavoriamo con due diversi aspetti: il mentale e l’energetico.

Dal punto di vista mentale, lavoriamo sul e con il focus, piazzandolo ben in vista e mantenendo vigile e costante l’attenzione nello scopo e la costanza nello sforzo. Attiviamo inoltre il nostro subconscio creativo, stimolando il cervello a elaborare ed escogitare soluzioni convenzionali e non che portino al raggiungimento degli obiettivi incollati sulla lavagna.

Dal punto di vista energetico, invece, dobbiamo ricordarci che  l’energia fluisce laddove il pensiero va e che viviamo in un universo in cui tutte le possibilità già esistono: chiedere, qualsiasi sia il modo, è il mezzo per farle incontrare. Nel nostro vivere quotidiano riceviamo ed emettiamo costantemente pensieri ed emozioni connotati da determinate vibrazioni generate dalle notizie che leggiamo, da ciò che ascoltiamo, dalla materia con cui nutriamo il nostro intelletto. Scegliere di circondarci da ciò che reputiamo bello, sano e pieno di amore eliminando tutto ciò che è dolore, rabbia o ignoranza è uno dei modi che abbiamo per vibrare ad altezze superiori e diventare co-creatori di bellezza e serenità.

Ti starai quindi chiedendo come si crea una vision board, giusto?
Eccoti il tutto qui, passo dopo passo:

1. Prepara il materiale necessario, ovvero:

  • una bacheca di sughero
  • riviste, giornali, fotografie, immagini stampate da internet: qualsiasi cosa ti faccia esclamare: “Sii, anche io voglio!”, con tanto di occhi a cuoricino
  • forbici, scotch e puntine

2. Prenditi del tempo libero, almeno una mezz’ora, in cui sai che non verrai disturbata.

Accendi dell’incenso o la tua candela preferita, metti della buona musica, viziati con una buona tisana o un bel bicchiere di vino – ricordati che stai per abbozzare la vita che vorresti, quindi cerca di entrare già nel mood giusto. Comportati come se già la stessi vivendo –  o come dicono le nostre oltreoceano: Fake it till you make it, ovvero fingi finché non l’ottieni.

3. Chiediti in tutta sincerità cosa e come vorresti veramente fosse la tua vita: come ti vuoi sentire?

Non in maniera razionale ma con il Cuore. Prenditi un attimo per centrarti.
Siediti in posizione comoda, controlla la postura, assicurati di aver la schiena ben dritta, il mento parallelo al pavimento, occhi chiusi, labbra rilassate e palmi delle mani rivolti verso l’alto. Inizia a volgere lo sguardo al tuo interno, portando attenzione al tuo respiro: sii consapevole dell’aria che entra ed esce dalle narici, dell’ombelico che prima si espande e poi si ritrae verso la colonna vertebrale. Fai qualche ciclo di respirazione con questa attenzione, cercando di essere consapevole della calma, della quiete interiore. Sull’ultima espirazione, inizia a chiederti cosa veramente desideri. Porta la mano sinistra al centro del petto e dentro di te ripeti: “Così come il mio cuore desidera, così sia”. Non opporre ostacoli a tutto ciò che arriva; lascia fluire le immagini, le parole. Immaginati già nel tuo futuro che fai ciò che ti piace, che vivi la tua vita che vuoi – sorridi e sii grata. Quando ti senti pronta, muovi leggermente le dita delle mani e con dolcezza riapri gli occhi con un grande sorriso.

{Ops, abbiamo anche fatto una piccola meditazione}

4. Passa all’azione

Sfoglia le riviste e taglia. Apri Pinterest e stampa. Passa in rassegna le fotografie e scegli: qualsiasi cosa ti faccia venire le farfalle nello stomaco, prendila e falla tua.
Attenzione però ai dettagli: se una figura ti piace ma c’è un particolare che non ti soddisfa, scartala. Ricorda che l’energia non ha senso dell’umorismo: fa esattamente ciò che le dici.

5. Posiziona la vision board

Colloca la lavagna in un posto in cui tu possa vederla quotidianamente ma lontano da occhi indiscreti. Proteggila come se fosse qualcosa di molto prezioso. Evita che le forme pensiero di altre persone generate in buona o cattiva fede, giochino a tuo sfavore sabotando e compromettendo il tuo processo di manifestazione.

Suggerimento: evita di posizionarla in bagno o in ambienti energicamente sporchi!

6. Curala

Guardala quotidianamente, nutrila di intenzioni positive, accendi un incenso per onorarla. Ripeti il tuo esercizio di visualizzazione ogni giorno e se pensieri che classificano tutto questo come pazzia arrivano, lasciali andare e datti un’opportunità, per una volta.
Male non ti fa, giusto? 😉

“Afferra la visione e confida nel processo”

Stay blessed,

R.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.