Successo, obiettivi ed energia

by

Se vuoi avere successo, devi pianificare i tuoi obiettivi. Devi sapere cosa vuoi.

[Disclaimer: questo articolo, a differenza dei precedenti, è d’azione! Se non hai voglia di dedicare tempo al tuo futuro, passa oltre..]

Questi giorni tra Natale e Capodanno sono quelli che, lavorativamente parlando, preferisco. C’è calma nel fare ma fermento nel programmare. C’è l’arresa a ciò che è stato e l’attesa di ciò che sarà.  C’è il desiderio di conoscere e il timore di affrontare.

E, tra un panettone divorato e un blog consumato, spunta la corsa al programmare, definire, quantificare. Obiettivi, deadline, ricchi premi e cotillon. Tralasciando l’ansia da prestazione che ci porta a definire obiettivi poco Smart (specifici – misurabili – ottenibili – realistici – scadenziati ), con conseguente senso di frustazione, una cosa è certa:

Se vuoi farcela, devi sapere da dove sei partita, dove sei ora, ma soprattutto dove stai andando.

D’altronde, lo diceva anche Seneca: ” Non c’è vento favorevole per il marinaio che non sa dove vuole andare”.

Eppure molto spesso capita di imbarcarsi per l’anno nuovo piene di buoni propositi, ma senza scriverli. Si hanno idee ma non un modus operandi per concretizzarle. Insomma, si parte piene di sogni, ma senza obiettivi. E sai perché? Perché spesso ci dimentichiamo una delle prime cose che le nostre mamme ci hanno insegnato: “Se vuoi qualcosa, chiedila. E dì Grazie

E, come primo passo a questa richiesta, ti invito a creare il tuo workbook per il 2016.

Cos’è un workbook? E’ il posto dove i tuoi sogni diventano obiettivi, dove la tua vision si concretizza in mission che prende forma. E’ un luogo che ti ricorda cosa è veramente importante per te – perché con il tumulto dell’anno te lo dimentichi.  Ma prima di tutto, è un quaderno. Un semplice quaderno dove scrivi ciò che vuoi, come lo raggiungi, entro che data e soprattutto, un quaderno che revisioni almeno una volta al mese. Un quaderno a cui dedichi attenzione, su cui proietti energia perché, quando si parla di business management, successo, energia e obiettivi sono strettamente correlati. Come dice un aforismo Huna: “l’energia fluisce dove va l’attenzione”.

Ovunque tu ponga la tua attenzione – su un pensiero, oggetto o esperienza – si genera una corrente di energia tra te e quella cosa.

Per aiutarti a creare il tuo quaderno magico, ti mostro come io creo il mio:

  • Preparati comprando un quaderno ad anelli grandi  – così che tu possa aggiungere ciò che vuoi in ogni momento – e un pennarello dei colori che rappresentano il tuo anno. Io ho scelto il fucsia e l’oro per il 2016, perché voglio sia un anno roseo e brillante (ma forse mi ha influenzata l’averlo comprato appena tornata dall’India…).
  • All’interno, come seconda copertina, mettici dei fogli rossi,uno davanti e uno dietro: il rosso è il colore della prosperità e la prosperità ci piace.
  • Ora, prima di energizzare, pulisci. Immagino non serviresti mai del cibo a degli ospiti in piatti sporchi, giusto? Li laveresti, vero? Lo stesso fai con l’energia. Non mettere energia pulita senza aver prima tolto quella sporca. Quindi dedica del tempo a sistemare il tuo spazio di lavoro: brucia dell’incenso, metti bacinelle di acqua e sale negli angoli della stanza e poi apri le finestre per fare entrare energia fresca e nuova.
  • Declutter is the new black: riordina la scrivania, sistema le carte sparse, butta vecchi scontrini, compra un bel mazzo di fiori rossi (in questo periodo, ti suggerisco l’ amarillys rosso).
  • Fai un bagno con del sale grosso, metti della musica che ti pace, stacca il telefono e, perché no, accenditi una candela profumata. Prenditi del tempo per te.

Ora sei pronta per entrare all’azione, quindi:

  • Siediti diretta a nord (consiglio feng shui + legge di attrazione)
  • Dai un’occhiata veloce all’anno appena passato: rivedi velocemente cosa ha funzionato e cosa no (ma in realtà, se hai lavorato bene con consapevolezza, già lo sai  – e poi, non dedichiamo energia alle cose negative, va..)
  • Stabilisci la parola chiave, il leifmotiv dell’anno, un faro che ti aiuta a non perderti lungo il cammino. E’ un modo di sentirti che influenzerà il tuo anno, lavorativo e non. Come? Dai un’occhiata qui
  • Sulla prima pagina del quaderno, completa questa frase: Sarebbe fantastico se…
  • Dividi la tua vita per aree e crea dei separatori nel quaderno. Io ho scelto LAVORO – SPIRITUALITÀ’ – RELAZIONI – BENESSERE – LIFESTYLE – VOLONTARIATO/BENEFICENZA
  • Stabilisci gli obiettivi del tuo 2016 in base a come ti vuoi sentire, ossia in base all’effetto che vuoi che abbia su di te il raggiungimento dell’obiettivo. E’ uno dei capi saldi della legge d’attrazione, e la Laporte lo spiega molto bene. I sentimenti hanno vibrazioni più alte dei pensieri e ragionare in termini di emozioni accelera la materializzazione.
  • Per ognuna delle aree che hai individuato, passa all’azione e fai un brainstorming: tieni presente la tua parola chiave e costruisci la tua storia attorno. Ricorda che tu hai il potere di far accadere le cose. Mettiti all’opera ora: non rimandare o procrastinare.
  • Ad esempio, nell’area lavoro, puoi pensare agli obiettivi di guadagno, di delega, a cosa migliorare, a che libri vuoi leggere, a quali corsi vuoi frequentare, al budget che vuoi reinvestire nell’attività. Nell’area lifestyle puoi inserire i ristoranti che vorresti provare, le mostre che vorresti vedere, i posti che vorresti visitare. E così via.
  • Pensa a tutte le cose che vorresti fare e valutale e, per quelle per cui vale la pena metterci tutta te stessa, elabora una strategia fatta di piccoli passi e date concrete.

Dedica tempo ai tuoi obiettivi. Se non lo trovi tu per loro, come pensi che loro lo troveranno per te?

Lo so, ho messo parecchia carne al fuoco in questo post, ma il mio scopo è solo uno: ricordarti che se non bussi alla porta, nessuno ti aprirà mai. L’universo aspetta solo che tu chieda per mostrarti di quali miracoli è capace.

Ci vediamo nel 2016, io sarò presente. Presenza è la mia parola per questo nuovo anno.

 

 

6 commenti su “Successo, obiettivi ed energia

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.